Là dove passavano i romani…

Siamo abituati a percorrere le direttrici nord-sud secondo i nostri moderni canoni di velocità e comfort, nella vicina Svizzera invece troviamo ancora passaggi lenti ma percorribili tutto l’anno proprio come nei tempi passati.
E’ il caso della valle del Lucomagno, “locus magnum” dei romani, il passaggio vasto e aperto che collega il sud delle Alpi con il nord della Svizzera.


Lasciata Bellinzona, si passa da Biasca e subito la valle fa pensare alle legioni che qui passavano soprattutto perché i toponimi (Castro, Aquila, Torre, Campo ….) ci riportano proprio al passaggio di uomini e mezzi che valicavano in questo modo le Alpi.La valle, ricca di luoghi adatti a famiglie, presenta escursioni fruibili nelle diverse stagioni: in inverno ad esempio da Acquarossa, dove tra l’altro c’è anche un campeggio aperto tutto l’anno, si risale verso Carì – Leontica dove, oltre alle piste da sci assolate è possibile trovare una pista da slittino di tutto rispetto della lunghezza di circa 6 km e tutti i servizi correlati con gli impianti, dal parcheggio, ai ristoranti o ai self-service. Da qui dalla primavera, con una breve passeggiata pianeggiante si può raggiungere la Chiesa di Negrentino, una deliziosa chiesetta, romanica interamente affrescata e molto ben conservata

.

Tornati sulla direttiva principale si passa da Aquila che nel periodo napoleonico rifornì giovani soldati per le guerre in Europa,  poi si arriva a Olivone, sede comunale dove troviamo baite in affitto o caratteristici alberghi, ma anche il più importante museo della Valle  dove sono esposti mobili e oggetti della vita quotidiana e tradizioni popolari della Valle di Blenio. 

Da Olivone si snodano due percorsi: da un lato si può salire verso Campo Blenio, villaggio che in estate dà accesso all’escursioni verso la valle della Greina e in inverno è un centro di sci dedicato alle famiglie che qui trovano giochi e diverse attività dedicate ai piccoli, come una simpatica giostra sulla neve. Per la visita o per le giornate sulla neve è disponibile un ampio piazzale pianeggiante e ben ripulito dalla neve, dove sostare di giorno anche con i mezzi più grandi. 

Dal parcheggio di Campo Blenio in inverno partono numerosi sentieri piuttosto facili ma comunque ben segnalati, da percorrere con scarponi e ghette o con le ciaspole, in estate invece si può risalire verso la diga del Luzzone. Presso la diga del Luzzone vi è un ampio parcheggio asfaltato e dotato di wc pubblici, dal quale parte la strada pedonale che permette di camminare proprio sopra la diga, godendo di un vasto panorama;  poi si possono raggiungere diverse capanne e rifugi, ma anche rustiche malghe, come l’Alpe Bolla dove vengono allevate le mitiche mucche svizzere e si produce un ottimo formaggio che si può gustare sul posto insieme a latte freschissimo.

Leggi anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Instagram!